Grazie per il brivido, Margaret!

28 novembre 2011

Siamo qua da poco e siamo partiti senza conoscere la città né tantomeno qualche autoctono. Perciò per lo più siamo io e S, S e io, un po’ come Sandra e Raimondo. E a volte bene, a volte invece ci scocciamo, e la mattina quando ci svegliamo ci diciamo “toh, guarda chi si rivede!”. Io adesso ho ben 4 amiche: la polacca dello yoga, le due inglesi delle chiacchiere e l’emigrante greca in crisi come me. Insomma, qualche volta vedo loro, ma per lo più quando esco esco con S, e quando rientro rientro con S, e così proseguendo.

Ieri, dopo essere stati accecati dal bianco delle pagine delle nostre agende senza appuntamenti mondani, abbiamo deciso di uscire tra noi (guarda un po’) e siamo andati in una sorta di bar/pub/casa di Renzo Arbore ad approfittare di una bazza comprata su Groupon. Un pranzo luculliano di 3 portate più pinta di birra per la giusta cifra: 4 pound a testa.

Era domenica così ci siamo alzati con calma (“ah, sei qui? incredibile!”), abbiamo fatto colazione nella nostra sala illuminata da un inaspettato sole, ci siamo vestiti e ci siamo salutati: “Allora ci vediamo là, chi arriva prima aspetta. Cià!”

E siamo usciti. Ognuno per conto suo. Già, perché varcata la porta di casa le nostre strade si dividono: S va col bus e io vado col tram.

Perché qua non c’è più una sola compagnia di trasporti pubblici come in tutte le città del mondo. Ennò, che banalità. Qua ci sono 6-7 compagnie di bus, una di tram e non so quante di treni, tutte private. Ogni compagnia ha i suoi mezzi, le sue tratte, le sue offerte. Certo, potresti anche comprarti un abbonamento-tutto-il-cucuzzaro valido per tutti i mezzi, ma al costo di una macchina usata, il che non avrebbe molto senso.

Questo ovviamente succede dal dì delle simpatiche privatizzazioni dell’amica Margaret Thatcher, grazie alla quale qua le società di trasporti che hanno soppiantato quella pubblica sono impazzite e hanno trovato il modo, anziché di farsi concorrenza tra loro e abbassare i prezzi, di spartirsi la città come fa la camorra e di farsi ognuna i fatti suoi senza entrare in conflitto con le altre.

Allora S, che è studente, s’è comprato l’abbonamento trimestrale al bus che passa sotto casa e arriva fino al centro e in qualche periferia. Io invece compro l’abbonamento 4 week al tram, che passa non proprio sotto casa, ma costa meno e arriva anche lui fino in centro. Poi ovviamente se un giorno dovesse venirci in mente di andare in un posto diverso da quello servito dalla compagnia cui siamo abbonati dovremmo comprare un altro biglietto, sempre a prezzi modici che partono da 2 pound a tratta, ovviamente. Per non parlare del fatto che gli abbonamenti dei bus non valgono per i notturni, i quali si pagano a parte, 3.50 a corsa (e questo credo sia per far partecipare alla spartizione camorristica anche i taxi, ché a quel punto entrano in competizione e in certi casi convengono).

Comunque, ehi!, grazie Margaret per averci regalato il brivido di uscire di casa e farci il viaggio da soli con il cuore che batte all’impazzata per l’emozione dell’appuntamento! E’ bellissimo uscire per andare ad incontrare qualcuno, anche se l’appuntamento ce l’hai con uno che vive nella tua stessa casa. Per non parlare poi del gusto dell’attesa quando tu sei già rientrato e aspetti alla finestra che lui faccia capolino da in fondo alla strada! Una vera emozione.

Advertisements

6 Risposte to “Grazie per il brivido, Margaret!”

  1. julka75 said

    Ma questo è fantastico! Io conosco solo i mezzi di Londra, per cui mi carico un’unica Oyster Card appena sbarco alla prima stazione metro disponibile…
    Manchester comincia a valer bene una visita, solo per il “fascino” che emanano i servizi pubblici.

  2. stazzitta said

    genio. Mo me leggo tutto.

  3. aahahahah se pure solo sapessi in realtà che bello è immaginarsi queste situazioni!
    un saluto da una milano solitaria dove c’è soltanto l’Atm con i biglietti recentemente aumentati del 50%!
    enjoy england e…vedrai che le consocenze altre arriveranno presto!:D

  4. demopazzia said

    Sarà la nostalgia del regno, ma mi sembra tutto bellissimo!

  5. inetta a vivere said

    il servizio bus tram vi regala il brivido del primo appuntamento ogni volta che uscite insieme.. è una cosa bellissima! mai pensato di comunicare la tua storia alla ditta di trasporti?? secondo me verrebbe fuori una pubblicità geniale!

    ps il locale dove siete andati era forse ricoperto di oggetti inutili in plastichetta technicolor??

  6. Alberto said

    Oyster a parte a Londra, zona1-2, singola tratta: 4.5£. Da panico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: